Rai 3

4 gennaio Fiat voluntas sua

Agorà, Talk

A Piazza Affari debutta in borsa la “doppia Fiat” di Marchionne, mentre per metà gennaio è previsto il referendum tra i lavoratori di Mirafiori sul nuovo pacchetto di regole. Cosa rappresenta per l’Italia l’effetto Marchionne? Quali prospettive per il “sistema Fiat”? Quale futuro per le relazioni sindacali? Questi i temi sul tavolo di Agorà. Ne parleranno con Andrea Vianello Giuliano Cazzola deputato del Pdl, Cesare Damiano deputato del Pd, Giorgio Cremaschi segretario nazionale Fiom, Paolo Pirani segretario confederale Uil, Bruno Costi presidente del Club dell’economia, Piero Sansonetti direttore de “Gli Altri”.

La seconda parte del programma si occuperà di esclusione sociale. Tra povertà e vita in strada, cosa fa l’Italia per i senza tetto? Ne parliamo con Mario Borghezio europarlamentare della Lega Nord, Ignazio Marino senatore del Pd, Sveva Belviso assessore alle Politiche sociali del Comune di Roma.
La puntata

Tags: , , ,

7 Commenti su Fiat voluntas sua

  1. ha ragione cremaschi si vogliono portare le condizione della cina qui, poi si critica la cina sui diritti . ma poi siamo venuti fuori dalla thissen krupp e tutte le forze sindacali e politiche a criticare l’azienda cosa succedera’ se ci fossero gravi infortuni d’ora in poi.

  2. fabrizio il 04 gen 2011 alle 8:46
  3. Cremaschi è un incivile incapace.
    La FIOM è da isolare per i danni che produce alla classe operaia del settore auto.
    Vianello fa pena.

    AGORA ‘ E’ SOLO PROPAGANDA PAGATA DAL CANONE!!

    Never more

  4. vivamarchionne il 04 gen 2011 alle 8:56
  5. E’ vergognoso vedere come i diritti degli operai vengano levati via in virtù di una produzione che deve andare avanti per generare profitti e dividendi. Ancora una volta, ci si mette di fronte alla crisi con l’argomento “o scegli di lavorare a meno di tutto (diritti, salario, pausa pranzo, pausa bagno perfino), o niente”. L’uscita dalla crisi la si vede solo in termini economici e di PIL, con la salute delle persone non si fa cassa, fa solo spese. Che tristezza…

    PS – domanda: ma quando tutti gli operai saranno mezzi morti per gli orari e i ritmi pazzeschi, chi guiderà le auto se non avranno manco la forza di issarsi sul sedile..?

  6. Giovanna il 04 gen 2011 alle 9:08
  7. i sindacati farebbero bene a ricordarsi che per anni e anni hanno protetto “lavoratori” assenteisti, menefreghisti, malati cronici e che e’ “grazie” a queste persone che si e’ arrivati oggi ad un irrigidimento delle regole approfittando della crisi. se gli operai che lavoravano fossero stati tutelati e quelli che nn lavoravano emarginati dai sindicati, adesso le cose sarebbero diverse

  8. alberto mazzanti il 04 gen 2011 alle 9:21
  9. pietro di gennaro (@pietrodigennaro)
    04/01/11 10:09
    Nazionalizzare gli stabilimenti Fiat, commessa statale per i prossimi 10 anni per tutti i mezzi e le auto che occorrono allo stato …

    Solo per le auto blu serve uno stabilimento come pomigliano o miratori… A prezzo di costo sarebbe un modo per ridurre il debito pubblico nel medio termine … Poi con l’occupazione si ferma la cassa integrazione sempre con beneficio del debito pubblico

    Complimenti per la discussione e la trasmissione

    Felice 2011

    pietro di gennaro
    ————————
    p.digennaro@usb.it
    http://www.usb.it
    http://www.salerno.usb.it
    ————————-
    Cell. 3884431404

  10. Pietro di gennaro il 04 gen 2011 alle 9:21
  11. E’ una guerra tra poveri, ovvero mi pare che il problema non sia la FIAT ma sia la concorrenza e vecchie diatribe assopite dal tempo e riemerse con una scusa (il “caso” FIAT).

  12. TortellinoVolante il 04 gen 2011 alle 9:23
  13. 1 ora di urla cremaschiane. altro che il duce.peggio.

  14. franco marchisio il 04 gen 2011 alle 9:38

Scrivi un commento

Calendario

gennaio: 2011
L M M G V S D
« dic   feb »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31