Rai 3

9 febbraio Giudizio lampo

Agorà, Talk

Nel giorno in cui il Governo si riunisce per rilanciare la propria attività tra federalismo e giustizia, mentre la procura di Milano richiede il giudizio immediato per Berlusconi sul caso Ruby, in attesa della manifestazione delle donne, il premier riuscirà a evitare strappi e a tenere in piedi la sua maggioranza? Questi i temi sul tavolo di questa puntata. Ospiti: Maurizio Paniz, deputato del Pdl, Roberta Pinotti, senatrice del Pd, Marco Cappato dei Radicali italiani e i giornalisti Gianluigi Paragone, Lanfranco Pace, Gianni Barbacetto.

Nella seconda parte si parlerà di federalismo fiscale municipale. Ma i comuni saranno costretti ad aumentare le tasse o a tagliare i servizi per far quadrare il bilancio? Oppure avranno maggiore autonomia nel gestire le loro casse? Ne discuteranno con Andrea Vianello, tra gli altri, Beatrice Lorenzin, deputata del Pdl, Marco Stradiotto, senatore del Pd, Michele Emiliano, sindaco di Bari e Davide Boni, Lega Nord, presidente del Consiglio Regionale Lombardia.

Tags: , , , , ,

14 Commenti su Giudizio lampo

  1. perchè nessuno dice che avere per casa LELE MORA è una vergogna? Io non lo farei entrare a casa mia.Avete paura di qualcosa nominandolo?

  2. trevisiol epifania il 09 feb 2011 alle 8:50
  3. sono preoccupata, siamo governati da persone che credono ancora alle favole! e se domani arriva qualcuno che dichiara di essere un alieno che faranno?

    questi politici hanno purtroppo la memoria corta e si dimenticano quello che disse Berlusconi il 30 ottobre “impossibile che io abbia detto che Ruby era nipote di Mubarak” ed ora lo vogliono far passare come il salvatore della patria per aver difeso la suddetta ragazza….

    ma per piacere…..

  4. marcy il 09 feb 2011 alle 8:54
  5. è da un mese che si parla solo di arcore, si può perfavore parlare di quello che non hanno fatto per 10 anni? tanto per queste cose in carcere non ci và!.. si può manda a casa solo se si fà capire ciò che non ha fatto al governo e non ciò che ha fatto nel letto…non se nè può più!

  6. Nicola il 09 feb 2011 alle 9:04
  7. Il blog oggi è pigro. Non vi piace la puntata?

  8. Agorà il 09 feb 2011 alle 9:12
  9. vi prego di fare presente a Paragone che il suo “sorriso sorgnone” e molto più pronunciato e inquietante di quello della senatrice.

  10. Guamra il 09 feb 2011 alle 9:23
  11. Anziché parlare dello svolgimento del processo, a cui sta pensando la Magistratura, perché non parlare del deteriore modo di far politica e cioè non solo della scandalosa inclusione della Minetti nel Consiglio regionale a fronte di quello che è in corso di accertamento , ma anche della deteriore inconcepibile compravendita dei Parlamentari iniziata in dicembre e tuttora in corso ? Sarebbe interessante capire perché non è possibile configurare il reato di VOTO di SCAMBIO, considerata che la fattispecie è su base individuale, cioè ad personam ? : tu mi voti la fiducia e i provvedimenti del governo sottoposti all’approvazione del Parlamento, specie quelli che mi riguardano, io ti gratifico con incarichi di governo ( pare che i ministri di questo Governo non ce la fanno, tanto è il lavoro, e necessitano di nuovi sottosegretari e simili !! . NON E’ QUESTO LO SCANDALO PIU’ ABERRANTE ?

  12. Nicolacs il 09 feb 2011 alle 9:27
  13. Viviamo in una situazione surreale, come si può sostenere che il primo ministro di uno dei paesi del G8 sia vittima di invasione della sua privacy? In qualsiasi altro paese democratico un’inchiesta del genere sarebbe scoppiata non nelle procure, ma sui giornali, ed il diretto interessato si sarebbe dimesso DALLA VERGOGNA!!! Qui in Italia i giornalisti o gli accompagnano le escort a casa o, se fanno il loro dovere, sono millantatori che sputtanano l’Italia. Kennedy e Clinton, alla cui immagine si tenta di avvicinare quella del nostro premier, erano uomini potenti, giovani, non dei vecchi pervertiti costretti a pagare o contraccambiare le prestazioni con anche cariche pubbliche ben retribuite, tutto al fine di appagare il proprio ego.
    Il dubbio che ne scaturisce non è sulle capacità del ministro Carfagna o del consigliere regionale Minetti, per esempio, ma sul fatto che siano arrivate dove sono grazie a queste capacità e non grazie ad “amicizie” (definiamole così), complice una legge elettorale che sembra creata ad arte per un sistema di regalie.
    Io da persona di centro destra non posso tollerare che i principi in cui ho sempre creduto vengano quotidianamente calpestati e che una tradizione cristiana venga difesa da questa gentucola che si indigna quando per esempio si tocca il crocefisso nelle scuole, ma davanti ad uno squallore del genere si tappa occhi, orecchie bocca ed anche il naso per non sentir la puzza.

  14. Gianni il 09 feb 2011 alle 9:28
  15. Il federalismo pasticciato è un’altra conseguenza di un Presidente del Consiglio sotto ricatto. Anche Bossi ne sta approfittando e per timore che cada il Governo vuole dimostrare al suo elettorato di aver portato a casa qualcosa comunque esso sia.
    Ma se si va alla radice del problema che sta vivendo l’Italia,forse giornali e TV non avrebbero tanto da scrivere e da discutere e i politici non avrebbero tante occasioni per mettersi in mostra. Ebbene andiamo avanti così,almeno fino a che la gente non lo capisce!

  16. Nicolacs il 09 feb 2011 alle 9:44
  17. Altra cosa davvero strana è che nessuno,né i pur bravi conduttori come Vianello,pongono in discussione i danni che sta provocando nel nostro Paese questa PORCATA di Legge Elettorale,che consente ai Segretari di Partito di porre in lista le persone che più gli aggradano, con la conseguenza che il Leader Maximo si può permettere il lusso di strafare, in maniera davvero disinvolta,gratificando chi è da mettere in galera o in CASE DI LUSSO. La dignità dei parlamentari del PDL poi comincia davvero ad indignare,specie allorquando addirittura il Ministro della Giustizia,famoso FABBRICATORE di norme ad personam anticostituzionali,sostanzialmente afferma a Ballarò in una recente trasmissione: noi senza Berlusconi non siamo niente..

  18. Nicolacs il 09 feb 2011 alle 10:11
  19. Non sarebbe il caso di dare maggior spazio all’unico partito in continua ascesa nei sondaggi e stimata ieri da Ballarò al 9.7%?
    Mi pare chiaro che Sel stia attirando tantissima gente.
    Comunque, complimenti al programma ed al conduttore. Saluti.

  20. cristian paleo il 09 feb 2011 alle 14:31
  21. A che cosa servono questi raduni di Piazza? a niente.
    Oddio a una cosa servono: servono a far parlare di Berlusconi, e lui con più andate in piazza e più è contento.
    Piazzaioli erano, i comunisti governativi, ( i soliti più o meno ) che protestavano contro il loro governo ( Prodi) , e piazzaioli,sono questi mezzi intellettuali,di sinistra che, invece di aiutare il P.D., non fanno altro che metterlo in difficoltà, bastonandolo tutti i giorni.
    lo stregone di Suviana

  22. lo stregone di Suviana il 09 feb 2011 alle 20:13
  23. se ancora non ce ne fossimo accorti da 70 anni ad ora la politica non mi sembra abbia risolto molto noi serviamo da voti per i gran duchi la mia proposta è di appaltare l’Italia ad uno stato europeo che lo sappia governare ad esempio la germania grazie

  24. mario il 10 feb 2011 alle 8:54
  25. Proviamo a ribaltare la questione,il Presidente del Consiglio,un uomo ricco,solo
    perchè ha le possibilità debba calpestare la dignità dei cittadini,fare leva sulla povertà delle ragazze e costringerle ad umiliarsi per un eventuale posto di lavoro, e quattro spiccioli.Ha inserito nei posti strategici uomini di sua fiducia, e come Ministri persone “Yes-Man”, mi sa tanto che non stiamo parlando più di democrazia. Chi gliela dà questa libertà?

  26. marina il 10 feb 2011 alle 9:24
  27. Basterebbe fare un decreto legge retroattivo che depenalizza il sesso con una minorenne, Così tutti i cittadini sarebbero uguali davanti alla legge e B. non avrebbe nulla da temere!!!

  28. Mario il 11 feb 2011 alle 8:41

Scrivi un commento

Calendario

febbraio: 2011
L M M G V S D
« gen   mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28