Rai 3

3 marzo Il federale

Agorà, Talk

Dopo la fiducia sul federalismo municipale, le elezioni sono ormai sempre più lontane? Si abbasseranno i toni sulla giustizia e si metterà fine allo scontro istituzionale? Maggioranza più coesa e opposizioni in affanno? Ospiti di questa puntata: Carolina Lussana deputata della Lega nord, Roberto Formigoni presidente Regione Lombardia, Piero Fassino deputato del Pd, Fabio Granata deputato di Fli., Antonella Rampino de La Stampa, Lanfranco Pace de Il Foglio.

Nella seconda parte del programma si parlerà di welfare. Il Governo con la legge di stabilità e il recente decreto Milleproroghe ha operato numerosi tagli ai finanziamenti dei progetti in favore di anziani, disabili e malati gravi. Al Nord come al Sud enti locali e terzo settore in crisi per garantire i servizi? Chi si farà carico del problema? Ne discutono con Andrea Vianello, Giuliano Cazzola deputato del Pdl, Paola De Micheli deputata del Pd, Marco Cobianchi giornalista di Panorama, Riccardo Quintili direttore de Il Salvagente.

Tags: , , , , , , ,

10 Commenti su Il federale

  1. Mi piacerebbe un giorno sapere come la lega si pone nei confronti del “Made in Italy” inteso come etichetta che credo renda molto alle aziende del nord in termini di export.

  2. Gianni il 03 mar 2011 alle 9:11
  3. Il sostenere ancora che “la repubblica italiana è fondata sul lavoro ” per il Signor Pace de Il Folio è una “ignominia” questa affermazione arrogante questa mattina è come una coltellata al cuore degli italiani che lavorano e pagano le tasse.

  4. maria martinelli il 03 mar 2011 alle 9:12
  5. il federalismo sarebbe cosa buona, ma prima bisognerebbe abolire le regioni a statuto speciale e tutte le province autonome, mi sono stancato di essere trattato da straniero quando vado in luoghi tipo bolzano, che usano le mie tasse e quelle degli italiani e poi ci trattano in modo razzista.
    luca da bologna.

  6. luca casarini (non il no global) il 03 mar 2011 alle 9:12
  7. cosa vuol dire che il mio commento è in attesa di moderazione ?

  8. maria martinelli il 03 mar 2011 alle 9:19
  9. @maria: i post su questo blog sono moderati dalla redazione, cioè hanno bisogno di un’approvazione per essere pubblicati.

  10. Agorà il 03 mar 2011 alle 9:30
  11. singolare il discorso di bersani ieri.se la lega va con il pd ,lui vota si al federalismo.altrimenti no.bravo continua cosi’ che verrai premiato.franco49

  12. franco49 il 03 mar 2011 alle 10:11
  13. cme mai si parla semore di tagli ai diritti dei cittadini ,mai di tagliare gli stipendi a onorevoli ,senatori e ministri ,e diminuirne la cuantita di sgradevoli signori che ci mal rappresentano

  14. michele il 03 mar 2011 alle 10:11
  15. @ bersani. e questo sarebbe il senso di responsabilita’?il problema è lui non il miliardario.

  16. franco49 il 03 mar 2011 alle 10:13
  17. In questo periodo storico, ci troviamo in una situazione di crisi in vari settori: politica, economia, ambiente, società e geopolitica. È indispensabile avere una politica vera (bene comune), che gestisca al meglio il territorio, l’economia con sviluppo sostenibile, meno spese e gestione migliorata delle risorse, per dare la possibilità alle generazioni presenti e future di avere una vita dignitosa. È quindi il momento di rimuovere le strutture obsolete, con troppe spese e con grande dispendio di risorse umane e materiali. Ad esempio, si possono abolire subito le province, poi le regioni e passare i loro compiti ai comuni (con non meno di 15000 abitanti, i più piccoli sarebbero accorpati). Questo farebbe in modo di avere meno spese, più democrazia diretta, equa e con responsabilità politica locale. Nel momento in cui ci sarebbe necessità di azioni di zona, i comuni potrebbero formare consorzi di gestione, utilizzando le risorse che hanno nelle varie sedi comunali, senza creare doppioni. La democrazia sarebbe favorita, si avrebbero risorse senza tagliare il welfare e si migliorerebbero gli aiuti allo sviluppo sociale e all’educazione.
    Per avere una democrazia giusta, i parlamentari dovrebbero tagliare i loro privilegi, come hanno fatto in Regno Unito, Germania e vogliono fare in Spagna. Se si faranno le scelte giuste, sarà possibile ridurre le tasse (siamo uno dei paesi con più tasse), si potrà diminuire il debito pubblico ed allontanare il pericolo del fallimento dell’economia italiana (ci sono ogni anno sempre meno industrie, più disoccupati e giovani che vanno all’estero per trovare lavoro).

  18. Paolo S il 03 mar 2011 alle 22:39
  19. Le scuole private sono presenti solo nelle grandi città, allora che libertà di scelta hanno le famiglie povere o che vivono nei centri piccoli?

  20. Concetta il 15 mar 2011 alle 9:53

Scrivi un commento

Calendario

marzo: 2011
L M M G V S D
« feb   apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031