Rai 3

29 novembre Approfondimento: Tasse sui contanti?

Agorà, Approfondimento, Talk

Nella seconda parte del programma si parlerà delle misure che il governo Monti vuole mettere in atto sull’evasione fiscale e sulla tracciabilità del denaro contante. Il provvedimento allo studio dell’esecutivo, mira ad abbassare il limite massimo di pagamenti in contanti dagli attuali 2.500 euro a 500 o addirittura 300, a vantaggio di un maggiore uso di bancomat e carte di credito. Servirebbe veramente a combattere l’evasione fiscale? Quali sarebbero gli effetti pratici di un simile provvedimento? Ne parliamo con Daniela Santanchè, Pdl, Paola De Micheli, deputata del Pd; Giovanni Cobolli Gigli, presidente Faid- Federdistribuzione; Rosario Trefiletti, presidente Federconsumatori; Rita Camporeale dell’Abi.

Tags: , , , ,

15 Commenti su Approfondimento: Tasse sui contanti?

  1. SIAMO GIA’ IN CADUTA LIBERA E RESTAURAZIONE & RIBELLIONE AUMENTANO !
    “O MANGI QUESTA MINESTRA O SALTI “LIBERAMENTE” DALLA FINESTRA”
    E’ IL PROVERBIO CHE MEGLIO DESCRIVE,QUALE LIBERTA’ E QUALE DEMOCRAZIA VIVANO OGGI I CITTADINI STIPENDIATI DI QUALSIASI CLASSE SOCIALE.
    INFATTI, LA DITTATURA DEI BOIA-RDI DI STATO DEL GOVERNO MONTI, PER ORDINE DEI PLUTOCRATI DELLE LOBBI FINANZIARIO-MAFIOSE, USANO QUEI PARTITI CHE SI SCIACQUANO DEMAGOGICAMENTE LA BOCCA AUTOREFERENZIANDOSI CON TITOLI ALTISONANTI QUALI (Popolo Della LIBERTA’) O (Partito DEMOCRATICO),PER DISTRUGGERE REGOLE E DIRITTI DEL POPOLO (NON PIU’) SOVRANO SANCITE COSTITUZIONALMENTE DAI PADRI FONDATORI DELLA RES-PUBBLICA ITALIANA.
    IL TUTTO PEDISSEQUAMENTE SUFFRAGATO DA MEDIA GIULLARI,CICISBEI CRITICAMENTE INSUFFICIENTI.

  2. giampaolo il 30 nov 2011 alle 7:47
  3. LE CARTE FOSSERO PIU’ SICURE E VELOCI SAREBBE MEGLIO

  4. giampaolo il 30 nov 2011 alle 8:25
  5. Io sono un ex imprenditore fallito. Non ho conti, non ho assegni né tantomeno carte. Senza contante dovrò tornare al baratto?

  6. stefano il 30 nov 2011 alle 8:30
  7. Si applichi integralmente la proposta Gabanelli,che induce anche i piccoli ad essere non evasori. In relazione ai minori costi che ciò comporterebbe per le banche – e sono tanti – si statuisca la eliminazione di qualsiasi costo sulla emissione e gestione delle carte di pagamento,compresa la messa a disposizione di semplici lettori delle carte utilizzabili da chiunque. Si aumenti sensibilmente il limite di reddito esente adeguandolo al reale costo della vita del singolo o della famiglia (Famiglia Cristiana ha sul sito una bella simulazione di applicazione del quoziente famigliare). Si vedrà che la maggioranza degli Italiani approverà il provvedimento se così articolato,provocando una sensibile ripresa dei consumi e della produzione. Se inizialmente il limite verrà portato a 500 euro,vorrà dire che qualcuno del malaffare sarà riuscito ad influenzare anche questo Governo.Anche negli Stati Uniti paese liberale per eccellenza, usanoin modo generalizzato le carte di credito.

  8. Nicolag il 30 nov 2011 alle 8:36
  9. Buongiorno
    Se la moneta elettronica fosse l’unica moneta cioè non ci fosse il denaro fisico non vi sarebbero commissioni di riscossione e le tasse potrebbero essere pagate direttamente all’erario che gestirebbe le transazioni tramite le banche che sulla riscossione dei tributi elettronici tratterrebbero un percentuale infima a transazione: poniamo che le tasse potrebbero essere 5 cent per euro speso che andrebbero online direttamente all’erario

  10. mauro silani il 30 nov 2011 alle 8:37
  11. un altra cosa il pagamento potrebbe essere gestito non dalle carte ma direttamente dalla sim del telefono come già succede per l’acquisto di beni immateriali come eventi televisivi o on line o per i biglietti del bus

  12. mauro silani il 30 nov 2011 alle 8:43
  13. Buongiorno, come andrebbe ad impattare con la circolazione della banconota da €.500 moneta legale nell’UE?

  14. Vincenzo Panzarino il 30 nov 2011 alle 8:47
  15. non si combatte l’evasione fiscale tramite l’uso di carte di credito per i pagamenti ma permettendo al consumatore di detrarre PER INTERO le varie spese sostenute per spese mediche manutenzione macchina e riparazioni varie in questo modo tutti pretenderebbero la ricevuta per intero

  16. maura il 30 nov 2011 alle 8:52
  17. Mauro Silani ha ragione. Auguriamoci perciò che l’Abi sia esente da qualsiasi input di poteri forti legittimi e non affinché contribuisca a modernizzare l’Italia nei sistemi di pagamento in un Italia dove l’evasione è divenuta costume nazionale. Ciò per l’esistenza di associazioni malavitose e affaristiche,oltre che per una classe politica e manageriale particolarmente corrotta. E non solo. Anche la Chiesa Cattolica –sedicente potere supportato dalla spiritualità,ma spesso dal suo contrario- ha contribuito in maniera determinante a dare il cattivo esempio. Porre il limite di 500 euro sarebbe un regalo al malaffare. A fronte dei vantaggi che la limitazione o la eliminazione dell’uso del contante si riverserebbero sulle banche,si chieda la eliminazione di qualsiasi costo alla emissione e gestione delle carte di pagamento. Le poste e le banche contribuiscano a questo progetto mettendo a disposizione di pensionati o dipendenti che accreditano i propri emolumenti e che non abbiano il servizio on- line un semplice lettore di carte di pagamento.

  18. Nicolag il 30 nov 2011 alle 8:58
  19. quella della Gabbanelli non è una provocazione ma è la soluzione insieme alla riscossione diretta dei tributi già alla fonte di ogni transazione

  20. mauro silani il 30 nov 2011 alle 8:58
  21. QUELLI DI MONTI PER I CITTADINI SALARIATI ATTUALI PASSATI O FUTURI SARANNO SUPPOSTI PROVVEDIMENTI O PROVVEDIMENTI SUPPOSTA ?

  22. giampaolo il 30 nov 2011 alle 8:59
  23. Se volessi pagare in contanti un importo di 300 euro mi farei fare 2 farrure da 150 euro..

  24. Barbara il 30 nov 2011 alle 9:00
  25. “O MANGI QUESTA MINESTRA O SALTI “LIBERAMENTE” DALLA FINESTRA”
    E’ IL PROVERBIO CHE MEGLIO DESCRIVE,QUALE LIBERTA’ E QUALE DEMOCRAZIA VIVANO OGGI I CITTADINI STIPENDIATI DI QUALSIASI CLASSE SOCIALE.

  26. giampaolo il 30 nov 2011 alle 9:03
  27. sono anna fabozzi, non si combatte l’evasione riducendo la soglia del contante, l’esercente ha già l’obbligo dello scontrino fiscale ed il libero professionista della fattura o ricevuta, il problema sono i controlli su chi dichiara es. 12.000 euro all’anno è ha sette macchine di proprietà o la barca a mare.
    il sommerso è in’latra roba;
    siete stati ipocriti pure voi, lo scontrino è una cosa inutile allora?? sfido chiunque ad uscire da un qualsiasi negosio o esercizio senza avere nella borsa la ricevuta, anche il mio parrucchiere me la fà per intero, cosi il meccanico e via dicendo, sa come si lotta l’evasione, ognuno di noi si deve rifiutare di andare da quello che non ti vuole fare la ricevuta o cerca di fartela per un importo inferiore, ma questo non capita dal salumiere ma dal professionista…sanno dove guardare..non è la povera gente che deve pagare costi di pos e carta di credito.

  28. anna fabozzi il 30 nov 2011 alle 9:11
  29. Carte prepagate da da 1 euro ii sù..dico sì basta che queste carte vengano date gratuitamente la tracciabilità è VERO farebbe emergere l’Italia dei TANTISSIMI evasori insomma a temere..sono in NON onesti ! Inoltre è utile anche per le garanzie sui prodotti..pertanto approvo che si faccia PAGARE gli evasori presenti in molti ambienti…
    Morando Sergio

  30. SERGIO MORANDO 626/94 - 81/2008 Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia il 01 dic 2011 alle 8:55

Scrivi un commento

Calendario

novembre: 2011
L M M G V S D
« ott   dic »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930